Differenze e analogie tra la pubblicità su Facebook e quella sui motori di ricerca

La pubblicità su Facebook sta man mano crescendo sempre più in popolarità e va ad incalzare quella fatta sui motori di ricerca. La pubblicità sui motori di ricerca è fondamentalmente diversa da quella sui social network perché si inserisce in un contesto informativo in cui l’utente è alla ricerca di un prodotto o un servizio, nella maggior parte dei casi in cui viene utilizzata, e quindi possiede, in genere, un maggior tasso di conversione.

La pubblicità sui social network, tra cui quella su Facebook è la più popolare, d’altra parte, può essere considerata più simile alla classica pubblicità degli spot TV. L’utente non è alla ricerca di un prodotto o un servizio in quel momento (molto probabilmente) ma siamo noi a suggerirgliene alcuni, sia a scopi di vendita, sia a scopi di ‘brand awareness’. Come afferma una nota agenzia onoranze funebri Roma e provincia, il  grande vantaggio per il pubblicitario è che tramite Facebook è possibile raggiungere un grande numero di persone, allo stesso modo della TV, solo che a costi molto più contenuti e con la possibilità di suddividere e scegliere il pubblico a seconda di dove si trova (paese, città), dell’età, degli interessi e molto altro.

Quanto costa la pubblicità su Facebook e come funziona il calcolo dei costi?

Sappiamo che la pubblicità sui motori di ricerca si basa di solito sul pay per click, ovvero si paga per ogni click che si riceve e manda l’utente su una pagina web di nostro interesse. Oltre a questo è importante notare che il calcolo del costo di ogni click viene determinato da un’asta, che viene indetta ad ogni ricerca dell’utente sul motore di ricerca. Più inserzionisti ci saranno a competere per una stessa parola chiave, più il costo del click aumenterà. Oltre alla ‘puntata’ occorre prendere in considerazione anche un altro parametro denominato ‘quality score’ ovvero punteggio di qualità. Questo parametro serve a far si che gli annunci rimangano, la maggior parte delle volte, realmente rilevanti per la ricerca dell’utente e quindi mantengano elevato lo standard di funzionamento del motore di ricerca.

Conseguentemente più è elevato il quality score di un annuncio e maggiore sarà la probabilità di trovarlo in alto nella ricerca o, allo stesso tempo, di pagare un costo per click più basso per la propria inserzione. La pubblicità su Facebook non funziona in modo molto diverso, anche se in quel caso non esistono parole chiave, ma si va a competere su ogni singolo utente del social network al quale vogliamo mostrare il nostro annuncio. Ovviamente non è possibile scegliere precisamente a chi, a quale persona, mostrare il nostro annuncio e neanche quanti altri inserzionisti stanno in quel momento cercando di sponsorizzare il proprio annuncio verso quell’utente. Almeno fino a questo momento.

Ma anche se noi non abbiamo queste informazioni, l’algoritmo che calcola i costi delle inserzioni su Facebook, che possono essere pagate per CPC (costo per click) oppure per CPM (costo per mille utenti raggiunti), le possiede e le utilizza per calcolare i risultati delle aste. Quindi nel momento in cui creiamo una inserzione su Facebook e scegliamo un pubblico target, in quel momento andiamo a competere per un posizionamento del nostro annuncio su Facebook, sulla base di un’asta. Molto importante, il risultato dell’asta e il costo che andremo a pagare saranno anche determinati da un punteggio di qualità assegnato al nostro annuncio, esattamente come per la pubblicità sui motori di ricerca. Se il nostro annuncio genererà molte interazioni da parte degli utenti, risulterà per loro interessante e quindi sarà premiato con un alto punteggio di qualità. Viceversa annunci poco interessanti, con poche interazioni o con feedback negativi, riceveranno un basso punteggio di qualità e quindi saranno mostrati meno e per un costo maggiore.

Per concludere è possibile affermare che la pubblicità su Facebook e quella sui motori di ricerca sono il presente e il futuro del Web Marketing e che il calcolo del suo costo per gli inserzionisti è del tutto simile e pensato per offrire un’esperienza migliore agli utenti.

Posted on

Tenersi in forma e divertirsi allo stesso tempo

Dopo l’estate il rischio di mettere su qualche chilo è alto. Questo perché durante le vacanze si fa una vita più attiva e variata che durante la settimana in ufficio. Inoltre in estate col caldo si mangia di meno, e si mangiano soprattutto cibi freschi e leggeri, come frutta e verdura. Per questo è importante non impigrirsi ma continuare a fare qualche tipo di attività sportiva, con ovvi benefici per il nostro fisico.

La soluzione più facile e immediata, è iscriversi in palestra. In ogni città ce ne sono moltissime e all’interno le attività proposte sono numerose. Infatti in genere c’è sia la sala attrezzi, per esempio con i tapis roulant, cyclette, macchine per il sollevamento pesi ecc. che le sale per i corsi, che spaziano dall’aerobica alla fit boxe, pilates, yoga, tone up, step e tanti altri. Anche l’installazione di porte blindate La Spezia può essere una buona abitudine in tal senso. Per chi invece preferisce essere più autonomo, le alternative certo non mancano.

Gli amanti dell’aria aperta si possono divertire con il jogging e la bicicletta, anche se spesso le giornate invernali non sono molto adatte per stare all’aria aperta. In questo caso però è sempre possibile comprare una cyclette da tenere in casa, che permette di esercitarsi, di non pagare l’iscrizione in palestra, e di usarla in qualsiasi momento se ne abbia voglia. Oppure una possibilità è iscriversi al tennis club della vostra città. Se ancora non sapete giocare potete frequentare uno dei loro corsi con l’allenatore, e quando diventerete più bravi potrete sfidare amici o conoscenti, o altri iscritti, semplicemente prenotando un campo in qualsiasi giorno e ora abbiate del tempo libero.

Divertirsi e restare in forma

Ma ovviamente le possibilità non si fermano qui. Per esempio si può organizzare con gli amici una squadra di calcetto, o pallavolo o basket, e prenotare un campo per esempio una o due volte la settimana per giocare tra di voi o con altre squadre di adulti non professionisti ma amanti dello sport.

In questo modo il divertimento è assicurato, dato che si gioca in squadre e quindi si può ridere e passare il tempo con gli amici e al contempo tenersi in forma. Gli sport di squadra in fatti sono molto indicati, prima di tutto è possibile muovere quasi tutti i muscoli, ma anche fare esercizio aerobico, ideale per il dimagrimento. Inoltre condividere questi momenti con gli amici aiuta a sentire meno la stanchezza, a divertirsi di più e quindi anche a diminuire lo stress accumulato.

Un altro modo per divertirsi in compagnia è il calcio balilla, che negli ultimi anni sta conoscendo un vero e proprio exploit. In Italia ci sono 18 mila tesserati e milioni di praticanti. I campioni si mettono il talco sulle mani, e spruzzano grasso liquido sulle aste per farle scorrere meglio.

Quindi cominciate ad allenare le dita. Pronti per la Cinese (palla di sponda e gol dal tridente), la Napoletana (palla lanciata dall’attaccante centrale e gol di sponda) e il Gancio (passarsi la pallina fra giocatori della stessa linea)? E ricordate che la Rullata è sempre vietata.

Posted on